Definizione distanza

Dalla lontana latina, la distanza è il percorso spaziale o il periodo temporale che separa due eventi o cose. Riguarda la prossimità o la distanza che esiste tra oggetti o eventi. Ad esempio: "La casa di Marta è a quattro isolati di distanza", "Non preoccuparti, saremo separati da una distanza molto breve", "La prossima stazione di servizio è a una distanza di oltre cinquanta chilometri" .

distanza

La scienza ha diversi modi di considerare la nozione di distanza. Per la matematica, la distanza tra due punti di un piano bidimensionale equivale alla lunghezza del segmento della linea attraverso la quale sono uniti. In uno spazio più complesso (non Euclideo), la distanza è il percorso più breve che si possa trovare tra i due punti.

I videogiochi in tre dimensioni, ad esempio, di solito utilizzano tecniche diverse per ridurre il lavoro del processore quando un oggetto si trova a una certa distanza dalla telecamera e non può essere visto con attenzione. Uno di questi è noto come Mipmapping e consiste nell'utilizzare immagini di diversi livelli di dettaglio.

Nel campo della fisica, è noto come distanza dall'entità scalare che può essere riflessa in unità di tempo o lunghezza.

Il concetto di distanza è anche usato nel linguaggio quotidiano. La distanza può essere l' ovvia differenza tra cose diverse : "C'è una grande distanza tra Messi e Cristiano Ronaldo: l'argentino fa giocare la squadra, mentre il portoghese è individualista", "In termini di specifiche e prestazioni, c'è un grande distanza tra questi due computer . "

La distanza, d'altra parte, è la separazione o il distacco tra le persone : "Mi dispiace che questa distanza sia stata generata tra noi, perché continuo a pensare a te", "Voglio mettere la distanza con Lisa poiché mi fa male", "La distanza è arrivata dopo la lotta del nuovo anno . "

All'interno di questo stesso contesto, è difficile giudicare quando due persone sono distanti, dato che si tratta di un problema soggettivo che dipende da molti fattori, come la cultura, la personalità di ciascuno e il tipo di genitorialità ricevuta. Ci sono famiglie in cui l'abbraccio è un luogo comune, un connettore che articola il giorno per giorno e che rappresenta un piccolo ma grande gesto che aiuta ad esprimere quanto siano importanti gli altri per uno. Ce ne sono altri per i quali il tremare delle mani è il più grande esempio di contatto fisico che hanno conosciuto.

Se intervistassimo una persona da ciascuna di queste famiglie teoriche, quale sarebbe la loro concezione della distanza emotiva? Cosa considereresti come un segno di affetto o disprezzo? Inutile dire che le risposte sarebbero molto diverse l'una dall'altra. Inoltre, non è comune per qualcuno essere orgoglioso di ammettere di avere una relazione molto lontana e fredda con i loro genitori e fratelli; sì, d'altra parte, dopo aver sentito parlare di quanto sia meravigliosa l'amicizia tra due persone, alcuni non sono d'accordo, sottolineando che in realtà si tratta di una relazione superficiale e circostanziale, poiché contrapponendola alle proprie nozioni, il risultato non è abbinare ciò che è stato detto dall'altro.

Le ripercussioni delle suddette differenze concettuali sono considerevoli. In molti casi, una persona che è stata maltrattata nella sua infanzia dalla sua famiglia riesce a prendere una certa distanza, a guarire e condurre una vita più coerente con i loro bisogni, e ciò che riceve dai suoi genitori è incomprensione e rimproveri., dimostrando che non sono realmente consapevoli del danno che hanno causato o che la loro percezione dei fatti è diversa da quella del loro bambino a un livello preoccupante.

Raccomandato
  • definizione: abile

    abile

    Dal latino peritus , un esperto è una persona esperta, esperta o compresa in una scienza o in un'arte . L'esperto è l' esperto di un determinato argomento che, grazie alle sue conoscenze, funge da fonte di consultazione per la risoluzione dei conflitti. In un processo , è possibile trovare esperti giudiziari (che sono nominati dal giudice) e esperti (proposti dalle parti coinvolte). Q
  • definizione: suscitare

    suscitare

    La parola latina attitiāre è arrivata alla nostra lingua come una mossa . Il concetto può essere usato per alludere all'azione di aggiungere qualche tipo di combustibile al fuoco o di rimuoverlo con l'obiettivo che brucia di più . Ad esempio: "Dì a Miguel di aggiungere più legna da ardere per alimentare il fuoco, quindi non abbiamo freddo" , "taglio la carne e poi inizierò il fuoco " , "Cerca di non muovere le fiamme a meno che tu non voglia causare un incendio " . Un al
  • definizione: poliestere

    poliestere

    Il poliestere è una nozione derivata dal poliestere , un concetto della lingua inglese. È un polimero che deriva dalla polimerizzazione di un idrocarburo chiamato stirene e altri elementi chimici. Il poliestere è una resina che si caratterizza per la sua resistenza ai vari agenti chimici e all'umidità, che ne consente l'utilizzo nella produzione di vari prodotti. La
  • definizione: tassonomia

    tassonomia

    La tassonomia ha la sua origine in una parola greca che significa "ordinazione" . Questa è la scienza della classificazione applicata in biologia per l' organizzazione sistematica e gerarchica di gruppi animali e vegetali . Nello specifico, possiamo determinare che la tassonomia è divisa in due: microtassonomia, che è responsabile della delimitazione e descrizione di alcune specie; e macrotassonomia, che è quella che classifica in base ai criteri concessi dal ramo precedente. È
  • definizione: di tabella

    di tabella

    Tabular è un concetto che può apparire come un aggettivo o come un verbo . Quando il termine deriva dalla parola latina tabulāris , è un aggettivo che si riferisce a quello con un aspetto da tavolo . Ad esempio: "Quel mobile tabulare sarebbe molto utile nello studio" , "Ieri ho acquistato un nuovo dispositivo tabulare nella cui parte superiore è possibile collocare le forniture" , "Il terreno è caratterizzato dal suo rilievo tabulare" . La n
  • definizione: trappola

    trappola

    La trappola viene dal vagabondo onomatopeico. È un dispositivo, artificio o tattica il cui scopo è catturare, rilevare o disturbare un intruso. La trappola può essere un oggetto fisico (come una gabbia o una falsa porta) o una sfida intellettuale (un indovinello). Le trappole sono emerse per aiutare l' uomo nei suoi compiti di caccia. G