Definizione clausola

L'etimologia della clausola risale alla parola latina clausŭla, che deriva da clausus (termine che può essere tradotto come "chiuso" ). Le clausole sono le disposizioni che fanno parte di una volontà, contratto o altro tipo di documento.

clausola

Ad esempio: "Non abbiamo ancora firmato l'accordo strategico perché c'è una clausola che non mi convince", "Il contratto firmato dal giocatore uruguaiano include una clausola che gli impedisce di giocare contro la sua ex squadra", "Il governo sta studiando il clausole dell'accordo di libero scambio " .

Una clausola penale è una garanzia che è inclusa in determinati contratti. Attraverso questa clausola si concorda che, se una delle parti non rispetta il contratto, deve pagare un risarcimento all'altro.

Una clausola abusiva è quella incorporata in un contratto mediante l'imposizione di una delle parti, senza negoziazione e causando uno squilibrio negli obblighi e nei diritti di ciascuno.

L'idea di una clausola di ostacolo appare nel campo della politica per riferirsi al numero minimo di voti che una lista elettorale deve ottenere per ottenere l'accesso alla rappresentanza nella legislatura o in un altro organismo.

Nel campo della grammatica e della retorica, d'altra parte, una clausola è chiamata una serie di parole che, in una singola frase o in più che sono strettamente collegate l'una all'altra, possono esprimere un giudizio con autonomia sintattica e significato completo.

In altre parole, la clausola linguistica è la parte più piccola del discorso capace di trasmettere l'intera idea in modo indipendente, anche fuori dal contesto. È il costituente sintattico (cioè una o più parole che agiscono come unità in una struttura gerarchica) indipendente da dimensioni più piccole con la capacità di esprimere una dichiarazione con un significato completo.

La musica dà a questo termine il significato di un breve brano usato nella musica medievale e consisteva nell'aggiungere un intervallo alla voce del canto gregoriano, sia esso un quarto, quinto o ottava, a condizione che ci siano almeno un paio di voci nel modo opposto .

Nella clausola musicale, alla voce del tenore veniva aggiunto un superiore che lo completava attraverso l'uso dei melismi, vale a dire un minimo di dodici note per ogni sillaba di testo. La composizione di queste parti richiede un aumento della velocità e la scrittura di disegni ritmici di breve durata che vengono ripetuti in tutta la clausola. Quando la linea superiore ha una velocità considerevolmente maggiore di quella del tenore e la contrappone, parliamo di "discanto".

All'inizio del XIII secolo, vi fu un arricchimento della cadenza e la clausola fu usata soprattutto nella cosiddetta Scuola di Notre Dame, un gruppo di musicisti dediti a lavorare nell'omonima cattedrale, a Parigi, così come nelle sue vicinanze dalla fine dal XII secolo fino alla metà del XIII.

Per la logica, le clausole sono espressioni composte da una serie finita di formule conosciute come letterali, che sono vere quando almeno un letterale è vero.

Dopo la guerra civile, si sono verificati diversi emendamenti alla Costituzione degli Stati Uniti; tra loro c'è il Quattordicesimo, all'interno del quale possiamo trovare la clausola sulla parità di protezione, che protegge le persone dalla negazione dei loro diritti, sulla base dell'uguaglianza di tutti i cittadini.

È nota come Clausola delle farfalle per un modello di contratto che ha una sola clausola, che garantisce il diritto degli sviluppatori di programmi per computer di opporsi efficacemente agli Stati che approfittano delle loro creazioni per tentare di contrastare i Diritti Umani .

Raccomandato
  • definizione: potere giudiziario

    potere giudiziario

    Ogni stato ha tre poteri fondamentali: il potere esecutivo , il potere legislativo e il potere giudiziario . Attraverso queste facoltà, che sono esercitate attraverso varie istituzioni, lo Stato può sviluppare, modificare e applicare le leggi, oltre ad attuare politiche pubbliche. Il potere giudiziario è la facoltà statale che consente l' amministrazione della giustizia attraverso l'applicazione delle leggi . In
  • definizione: accrescitivo

    accrescitivo

    Il termine aumentativo può essere usato come aggettivo per qualificare cosa aumenta (cioè aumenta o ingrandisce). L'uso più comune del termine, tuttavia, è specificamente legato a un tipo di affisso . Un affisso è un elemento linguistico che può essere proposto, inserito o posticipato in un lessema o in una parola per produrre un cambiamento nel suo significato . Nel
  • definizione: atroce

    atroce

    Atroce , originato dalla parola latina atrox , è un aggettivo che ha connotazioni negative. Il primo significato menzionato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario si riferisce a ciò che è brutale, spietato, assetato di sangue o crudele . Ad esempio: "Il nazismo era un regime atroce che torturava e uccideva un enorme numero di persone" , "Il crimine atroce in Villa San Jacinto: trovano un bambino decapitato e con segni rituali sul corpo" , "Un fuoco atroce lascia come bilancia otto vittime fatali . &
  • definizione: euforia

    euforia

    Il termine euforia deriva da una parola greca che significa "forza per resistere" . La parola, quindi, permette di riferirsi alla capacità di tollerare il dolore e le avversità in generale . L'uso più comune del concetto, tuttavia, è associato alla sensazione di benessere . È interessante notare che l'euforia può essere raggiunta con grande gioia, emozione positiva o anche attraverso l'ingestione di qualche tipo di farmaco o farmaco , come accade durante una sessione di sciamanesimo. Natu
  • definizione: induismo

    induismo

    L'induismo è una religione emersa da elementi del Brahmanesimo e dell'antico vedicismo . È la fede più professata nel territorio indiano. Gli indù credono nella reincarnazione e in una molteplicità di dei (sono politeisti). Le società organizzate secondo i precetti dell'induismo, d'altra parte, sono organizzate secondo un sistema di caste . Oltr
  • definizione: approfondimento

    approfondimento

    L'approfondimento è il processo e il risultato dell'approfondimento . Questo verbo , nel frattempo, si riferisce ad analizzare qualcosa in dettaglio o sviluppare una forte riflessione su un determinato problema. Ad esempio: "All'insegnante piaceva il mio lavoro, ma mi ha chiesto di approfondire alcuni argomenti" , "Questo candidato non sa quale sia l'approfondimento dei problemi del paese: rimane solo con le superficiali e fa proposte minori" , "L'approfondimento dell'esperimento dello scienziato ci ha permesso di capirne l'importanza" .