Definizione giudizio

Il termine processo, che deriva dal latino iudicium, ha usi diversi. È, ad esempio, la facoltà dell'anima che consente di distinguere tra bene e male o tra vero e falso. Il giudizio è, d'altra parte, un'opinione, un'opinione o un'opinione .

giudizio

Il processo è formato da un soggetto (il concetto di oggetto del processo), un predicato (il concetto che si applica al soggetto) e la copulazione (che è stabile se ciò che è pensato è corretto o meno dell'oggetto del processo).

"L'essere umano è superbo" è un esempio di giudizio, dove "essere umano" è il soggetto, "superbo" è il predicato e "è" è copulazione.

"Secondo me, stai agendo nel modo sbagliato", d'altra parte, mostra come il termine può essere usato in una frase.

Il giudizio è anche lo stato di buona ragione che si oppone alla follia o al delirio: "Sembra che tuo padre avesse perso la testa; in nessun modo possiamo soddisfare le loro richieste ", " Il presidente è un uomo di giudizio, che non prende decisioni alla leggera " .

Il processo è anche legato alla giustizia in quanto è una disputa legale tra le parti che si sottopongono a un tribunale. Il processo suppone che ci sia un sostegno di diritti o interessi che si oppongono a ciò che viene difeso dalla parte avversa: "Farò causa a tutti i giornalisti che mi hanno calunniato", "Mio fratello ha avviato una causa contro la società che lo ha licenziato senza motivo e non gli ha pagato il corrispondente compenso ", " Il processo si è concluso con la condanna di tutti gli imputati . "

giudizio L'essere umano impone le sue regole a quelle del resto degli esseri viventi, ferendo senza essere ferito, esigendo senza accettare richieste. Ma la nostra caratteristica più saliente e dolorosa non è il danno che causiamo ad altre specie, ma a noi stessi. Ecco alcuni esempi di processi in cui gli accusati sono stati condannati nonostante la loro innocenza :

Socrate : l'Atene del suo tempo subì ancora le conseguenze dello scontro con gli Spartani, che portò il popolo a dubitare dei benefici della democrazia . Ma Socrate insistette che non esisteva un sistema migliore, e non esitò ad opporsi al suo governo per esprimere le sue idee. Ciò lo portò a essere condannato a morte per avvelenamento;

Gesù Cristo : la sua auto-proclamazione come figlio di Dio era solo un passo nel percorso che lo avrebbe portato a diventare una delle più grandi controversie nella storia della religione. I suoi numerosi miracoli, le sue dichiarazioni e i suoi insegnamenti basati su metafore e atti di fede non sono lontani da uno spettacolo di illusionismo del presente, e nessun mago è appeso a una croce e brutalmente assassinato;

le streghe di Salem : le presunte streghe erano donne accusate dai cittadini di compiere varie pratiche sataniche, ma la storia racconta che i giudici non hanno mai chiesto di sottoporsi a processi investigativi organizzati, ma si sono basati sulle voci per mandarli a una morte orribile . Questo avvenne alla fine del diciassettesimo secolo nell'ex provincia della Massachusetts Bay, negli Stati Uniti;

Jan Hus : era uno studioso di religione e filosofia nato nella Repubblica Ceca nella seconda metà del XIV secolo, che ha lavorato come professore presso l'Università Carolina a Praga. Dopo essere stato ordinato sacerdote, ha approfittato della sua posizione per criticare i vari atti corrotti della Chiesa, come l'eccessivo arricchimento e la persecuzione degli infedeli. Il suo obiettivo era diventare un'istituzione completamente distaccata dal materialismo, per dare l'esempio. Hus ha esortato i suoi seguaci a ignorare le parole dei loro colleghi, assicurando che non erano persone affidabili; ha anche detto che il papa era l'Anticristo stesso. Ha difeso le sue convinzioni fino alla fine, e per questo motivo è stato condannato a morire sul rogo.

Raccomandato
  • definizione: coraggio

    coraggio

    Il latino Questa è la lingua in cui possiamo trovare l'origine etimologica della parola coraggio. Nello specifico, deriva dalla somma delle seguenti parti: il verbo "valere", che è sinonimo di "restare forti e sani"; "Entità", che equivale a "agente" e il suffisso "-ia", che può essere tradotto come "qualità". Il
  • definizione: psicobiologia

    psicobiologia

    Il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) non riconosce il termine psicobiologia . Il concetto, tuttavia, è spesso usato per indicare la disciplina che applica criteri e nozioni di biologia nello studio del comportamento di persone e animali. Chiamata anche biopsicologia , la psicobiologia combina strumenti di biologia e scienze sociali per comprendere i processi che si sviluppano nella mente.
  • definizione: Qena

    Qena

    La prima cosa da fare prima di scoprire il significato del termine Quena è conoscerne l'origine etimologica. In questo senso, possiamo dire che deriva da una parola quechua: "kkhena", che può essere tradotto come "flauto". È uno strumento musicale a fiato, originario della regione andina. C
  • definizione: falda acquifera

    falda acquifera

    Prima di entrare pienamente nella chiarificazione del significato del termine acquifero, dobbiamo conoscerne l'origine etimologica. In questo caso, possiamo dire che è una parola che deriva dal latino, poiché è il risultato della somma di due elementi di quel linguaggio: -Il nome "aqua", che può essere tradotto come "acqua". -L
  • definizione: fascino

    fascino

    Il termine glamour o glamour appartiene ad un anglicismo (che a sua volta deriva da una voce francese) che si riferisce a quegli oggetti o materiali che sembrano straordinari e che si distinguono da ciò che li circonda. L'origine del concetto si trova in una variante del termine "grammatica" anglosassone che, durante il diciassettesimo secolo, era usato per designare i saggi che praticavano l'occulto e le arti magiche.
  • definizione: scusa

    scusa

    È noto come scusa per l' atto e il risultato di scusarsi (vale a dire elencare le ragioni o le cause per gettare qualsiasi colpa, non voler fare qualcosa, liberare qualcuno da un obbligo o responsabilità, impedire che qualcosa di dannoso accada). La scusa, quindi, costituisce un pretesto che viene utilizzato per evitare obblighi o scusare alcune omissioni.