Definizione conseguente

Oltre alle alternative recentemente esposte all'espressione, quindi, nel linguaggio quotidiano troviamo molto spesso l'uso di un altro dei suoi sinonimi. Questa espressione non è tipica del linguaggio colto, ma ciò non impedisce alle persone di vari contesti di usarlo, in frasi come la seguente: "Oggi devo lavorare fino a tardi, quindi non potrò incontrarti", "Ho letto tutto il materiale, quindi sono pronto per iniziare a lavorare . "

Per la matematica, il termine conseguente appare in certi testi antichi come sinonimo di conseguenza, una delle due parti di una ragione, che integra l' antecedente . Una ragione è una relazione tra due grandezze che possono essere confrontate; in poche parole, è una divisione o sottrazione tra di loro e può essere espressa come una frazione o un numero decimale.

Se prendiamo il rapporto 60/12, che può essere letto come "sessanta è a dodici", l'antecedente è 60 e il conseguente (o conseguente ) è 12. La ragione inversa è pronunciata, per esempio, quando il conseguente è messo in luogo dell'antecedente e viceversa.

Nel campo della filosofia, d'altra parte, la proposizione che è innegabile quando le premesse sono ammesse è chiamata conseguenza.

Raccomandato
  • definizione: estroverso

    estroverso

    Extrovert è un aggettivo che permette di riferirsi alla persona che viene data all'extraversion (il movimento della mente che esce da se stesso attraverso i sensi). Un estroverso ha la tendenza a socializzare facilmente ed eccellere nelle riunioni, per cercare di essere al centro dell'attenzione.
  • definizione: occhio

    occhio

    La parola latina ocŭlus deriva negli occhi , il concetto che nomina l' organo che consente la visione negli animali e nell'essere umano . Il termine, comunque, ha altri significati. Come un organo, l'occhio può rilevare la luminosità e convertire le sue variazioni in un impulso nervoso interpretato dal cervello. A
  • definizione: preistoria

    preistoria

    La preistoria è il periodo della vita umana prima dei documenti scritti . Questo periodo è noto per vestigia come strumenti, costruzioni, pitture rupestri o ossa. Il termine è anche usato per nominare lo studio di quel periodo e il lavoro che si occupa del tempo. La preistoria , quindi, va dall'apparizione del primo essere umano all'invenzione della scrittura (attorno al 3000 aC). I
  • definizione: formazione

    formazione

    In latino è dove possiamo chiarire che si trova l'origine etimologica del termine addestramento. In particolare, questo è il risultato della somma di tre componenti latini come l' annuncio prefisso - che può essere tradotto come "verso", la parola destrezza che è sinonimo di "destra" e infine il suffisso uguale a "risultato di un'azione" ". La
  • definizione: fieno

    fieno

    Il termine fieno deriva dalla parola latina fenum . Il concetto si riferisce a una pianta che fa parte del gruppo di erbe , caratterizzato da sottili canne e foglie strette. Quando è incluso nel gruppo di erbe, il fieno è anche una pianta di angiosperma monocotiledone . Ciò significa che i loro carpelli formano un'ovaia che contiene gli ovuli e che il loro embrione ha un singolo cotiledone (prima foglia). I
  • definizione: beffa

    beffa

    Il termine inglese hoax non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), sebbene il suo utilizzo sia frequente nella nostra lingua. La Fondazione dello Spagnolo Urgente - Fundéu BBVA suggerisce comunque di sostituirlo con bufala , inganno o infedeltà . Una bufala, in breve, è una notizia falsa che viene diffusa per qualche scopo. È