Definizione complicità

La semplicità è la qualità del complice . Questo termine, che deriva dal complesso latino, si riferisce a chi esprime o sente solidarietà o cameratismo con un'altra persona. Ad esempio: "Quando ha finito di parlare, si è guardato intorno in cerca di un look complice", "Entrambi hanno una grande complicità dal momento che condividono lo stesso tipo di umorismo", "Una coppia non dovrebbe mai perdere la complicità" .

complicità

La semplicità è una parte essenziale di un'amicizia; è una sfumatura dell'unione tra due esseri viventi che implica una profonda conoscenza dell'altro, i loro bisogni, i loro gusti, i loro punti deboli e le loro forze. Essere complice di qualcuno, nel contesto delle relazioni interpersonali, significa stare insieme fisicamente e mentalmente, comprendendo e completandosi a vicenda.

Per la legge, un complice è una persona che partecipa o è associata a un crimine, senza essere stata l'autore diretto di esso. Ciò significa che il complice collabora con l'esecuzione criminale con atti precedenti o simultanei : "L'assassino è già stato arrestato, ma ora stiamo cercando i complici", "Gli investigatori ritengono che una rapina di questa portata non possa essere eseguita senza la partecipazione di diversi complici ", " Juarez ha detto che ha agito senza complicità da parte della polizia " .

La figura legale del complice è presente in tutti i sistemi giuridici, sebbene con diverse sfumature e trattamenti, poiché si possono distinguere diverse forme di complicità.

complicità Il collaboratore necessario è il complice che compie un atto indispensabile per l'esecuzione del crimine (cioè, senza la collaborazione del complice, il crimine non avrebbe potuto essere eseguito). Un ladro, per entrare a rubare un indirizzo, ha bisogno del proprietario della casa per uscire in strada; per questo ha un complice che suona il campanello e lo inganna fingendosi un operaio della compagnia elettrica. In questo caso, il complice è il collaboratore necessario (senza la sua azione, la persona non avrebbe lasciato la sua casa e il crimine non sarebbe stato commesso).

Il complice proprio, d'altra parte, è colui che coopera ma che non è necessario perché il crimine abbia luogo. Questa cifra sorge molte volte a causa di una combinazione di bisogni : c'è un leader, che, per essere, richiede una serie di soggetti da guidare, su chi imporre il suo mandato; e, d'altra parte, ci sono quelli che cercano la guida di un individuo più sicuro, più determinato di loro, per conoscere chiaramente il percorso che devono percorrere e non doverlo rintracciare da soli.

In questo contesto, la complicità ha molte sfumature di sottomissione, di resa, poiché c'è una figura più forte che prevale e che segna il comportamento che gli altri devono avere o il piano che devono eseguire. È un accordo, implicito o no, che dà a una persona il potere di decidere per gli altri e gli assicura che le sue idee saranno rispettate. In un rapporto di questo tipo, i complici non ricevono sempre uno spazio per esprimere i propri sentimenti e le proprie opinioni; anche se molte volte sono loro che scelgono di non contare su di lui.

Proprio come nella complicità che un'amicizia suppone, in questo caso è dato per scontato anche un alto grado di lealtà, una promessa di stare insieme in tempi buoni e cattivi. Anche se una delle parti sembra essere in svantaggio, è necessario ricordare che il complice di un criminale occupa quel ruolo per ragioni che solo lui può comprendere, a causa di problemi emotivi che lo portano a preferire rimanere sullo sfondo, all'ombra di un'altra persona. .

Raccomandato
  • definizione popolare: fascio

    fascio

    Il concetto di raggio deriva dal latino biga , un termine che era usato per riferirsi al trasporto di un paio di cavalli. La trave, con 'v', consente di identificare il pezzo curvo (che può essere sia in ferro che in legno), presente nelle vecchie vetture con lo scopo di permettere il collegamento tra fronte e retro.
  • definizione popolare: ricalcitrante

    ricalcitrante

    La radice etimologica del termine recalcitrante si trova nella lingua latina: recalcitrans . Il concetto è usato per qualificare l'individuo che si aggrappa a un pensiero o una decisione, senza ascoltare le opinioni degli altri . Ad esempio: "Il vice Lompkin è un neoliberista recalcitrante che non accetta alcun tipo di intervento statale nell'economia" , "Non si può discutere con qualcuno tanto recalcitrante quanto te" , "Mio padre è un fan recalcitro dei Los Angeles Lakers" . Se
  • definizione popolare: negligente

    negligente

    Dal lassismo latino, il lassismo è un aggettivo che si riferisce a qualcosa di rilassato, libero o che non ha la tensione che, per natura, dovrebbe avere . Il termine può essere usato in riferimento a qualcosa di fisico o simbolico. Ad esempio: "Mi piacciono i tessuti più morbidi, che non aderiscono tanto al corpo" , "Era sempre un uomo di credenze rilassate, capace di contraddirsi con grande naturalezza" , "Una tovaglia lassista che non si adegua al il tavolo è la migliore opzione decorativa per il banchetto , "" Non puoi essere negligente nel rispetto delle
  • definizione popolare: destriero

    destriero

    L'origine etimologica del termine che ci occupa dobbiamo esporre che è nel vecchio francese. Nello specifico, deriva da "corsier", che era una parola usata per riferirsi sia alla gara avvenuta sia al cavallo che partecipava. Questo è quello che viene chiamato un cavallo agile e veloce , di grande altezza, che viene utilizzato in battaglie e competizioni, secondo quanto indicato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario.
  • definizione popolare: cresta

    cresta

    Con origine etimologica nella crista latina, il termine cresta può riferirsi a diverse questioni. Questo è il nome dato all'elemento rosso carnoso trovato sulla testa del gallo e altri uccelli. La cresta, in questo senso, è una caruncola che raggiunge il suo massimo sviluppo con la maturità sessuale. Il
  • definizione popolare: raffineria

    raffineria

    È noto come raffineria per l'impianto industriale dedicato alla raffinazione di alcune sostanze. La raffinazione , d'altra parte, è l'azione che viene svolta per ottenere che qualcosa si purifichi o diventi più fine , lasciando da parte gli sprechi e separando certe particelle. Tipicamente, il concetto fa menzione di una raffineria di petrolio . I