Definizione clavicola

Prima di procedere alla conoscenza del significato del termine clavicola, dobbiamo procedere alla scoperta dell'origine etimologica di esso. In questo caso possiamo affermare che è una parola che deriva dal latino. Esattamente proviene da "clavicula", che è l'osso che arriva ad unirsi alla scapola con lo sterno.

clavicola

È una parola formata dalla somma di due componenti chiari:
-Il nome "clavis", che significa "chiave".
-Il suffisso "-ula", che può essere tradotto come "piccolo".

Quindi, clavicola è sinonimo di "piccola chiave".

L'etimologia è legata a una chiave di piccole dimensioni, sebbene il concetto sia usato nel quadro dell'anatomia .

Le clavicole sono le ossa dell'essere umano che si trovano nella parte superiore del petto, che si articolano con l'acromion della scapola e dello sterno . Con l'apparenza di una lettera S scritta in corsivo, collegano il torace e gli arti superiori.

La clavicola e la scapola (detta anche scapola ) formano il cingolo scapolare, che è diviso nelle regioni posteriore, centrale e anteriore. Ogni clavicola ha due arti, due bordi e due facce. A differenza delle cosiddette ossa lunghe, non ha diafisi, epifisi o canale spinale.

Diverse lesioni e disturbi possono colpire la clavicola. La sua frattura è relativamente frequente, essendo più comune nei bambini che negli adulti. In alcuni casi la frattura della clavicola si verifica a seguito di un parto complicato.

Sulle fratture della clavicola possiamo evidenziare un'altra serie di aspetti rilevanti come il seguente:
-Ci sono tre gruppi di fratture: I, II e III.
-Il gruppo I si riferisce a quelli che si verificano nel mezzo 1/3 mentre quelli nel gruppo II influenzano l'esterno 1/3 e quelli nel gruppo III a 1/3 interno.
-Il gruppo II è diviso in quelli del tipo I Neer, dove i legamenti coracoclavicolari sono intatti; quelli della classe II di Neer, dove c'è pregiudizio per i legamenti coracoclavicolari e quelli di tipo III. Questi ultimi sono identificati dall'avere frattura-lacerazione di quella che viene chiamata piastra coracoide.

Immobilizzazione e chirurgia sono i trattamenti più comuni per far fronte alle suddette classi di frattura clavicola. Per scegliere l'una o l'altra opzione, sarà necessario essere molto chiari sul gruppo che ne è affetto e sulla serietà di esso.

La dislocazione acromioclavicolare, d'altra parte, comporta danni all'articolazione che collega un'estremità della clavicola a un bordo dell'acromion.

Va notato che le clavicole sono scomparse dalla maggior parte degli animali . Ad esempio, nei mammiferi ungulati, l'assenza della clavicola conferisce alla scapola maggiore movimento. Nel caso degli uccelli, le clavicole sono state fuse con l'interclavulus per la comparsa di un nuovo osso.

Raccomandato
  • definizione: emblema

    emblema

    L'emblema dell'etimologia porta ad emblēma , una parola latina. Questo termine, d'altra parte, deriva dal greco émblēma . Il concetto si riferisce al simbolo o distintivo che è costituito come rappresentazione di qualcos'altro . Nell'antichità, un emblema era un'immagine o una figura senza un chiaro significato ma che, nella sua parte inferiore, presentava un motto o un'espressione che permetteva di decifrare e comprendere il suo senso morale. Que
  • definizione: piscina

    piscina

    Pool , che deriva da piscīna (una parola latina), è un serbatoio artificiale di acqua che viene utilizzato per scopi ricreativi, sportivi o decorativi. Conosciuta in alcuni paesi come una piscina o una piscina , la piscina consente alle persone di rinfrescarsi in estate , praticare il nuoto o giocare a giochi d'acqua, tra le altre attività. A
  • definizione: tibia

    tibia

    La parola latina tibĭa venne nella nostra lingua come tiepida . È un osso di grande estensione che si trova nella gamba e che si articola con l' astragalo , la fibula e il femore . La tibia ha una diafisi , un'epifisi distale e un'epifisi prossimale . Si dice spesso che questo osso supporta il peso del corpo, ricevendolo dal femore e trasmettendolo dalla sua parte all'astragalo.
  • definizione: scatenarsi

    scatenarsi

    Il verbo arremeter menziona il fatto di attaccare o caricare con la forza . Può essere un'azione concreta (fisica) o simbolica. Ad esempio: "Il governo non dovrebbe attaccare la classe lavoratrice, ma deve aiutarla" , "Nell'attaccare un giocatore rivale, mi sono slogato la spalla" , "Il governatore riceverà il sindaco dell'opposizione dopo aver attaccato la sua politica fiscale" .
  • definizione: preoperatoria

    preoperatoria

    La prima cosa da chiarire sul termine preoperatorio che andremo ad analizzare è che si tratta di un neologismo composto dalla somma di diverse componenti del latino: • Il prefisso "pre", che significa "prima". • Il verbo "operari", che può essere tradotto come "facendo un lavoro". • Il
  • definizione: vita privata

    vita privata

    Determinare l'origine etimologica del termine intimità che ci occupa è la prima cosa che faremo perché, in questo modo, saremo in grado di comprenderne meglio il significato. In particolare, si deve sottolineare che proviene dal latino e più precisamente dall'avverbio intus , che equivale a "dentro". L&