Definizione volontà

Will (dal latino voluntas ) è il potere di dirigere le proprie azioni . È una proprietà della personalità che fa appello a un tipo di forza per sviluppare un'azione in base a un risultato atteso. La volontà implica di solito la speranza di un futuro premio, poiché la persona si sforza di reagire a una tendenza attuale per un ulteriore beneficio .

volontà

Ad esempio: "Devi avere la forza di volontà per superare una malattia di questo tipo", "Per favore, metti buona volontà e cerca di non creare più problemi", "Ho dovuto licenziarlo a causa della sua cattiva volontà per il lavoro di squadra" .

La volontà ha motivato tutti i tipi di dibattiti filosofici poiché è legata a ciò che si vuole fare e alla comprensione dei motivi per cui un soggetto sceglie di farlo. Pertanto, la volontà è correlata al libero arbitrio .

La volontà è anche legata al potere di scegliere tra la coscienza, il sentimento e l'azione. Qualcosa scelto dalla propria volontà non è vincolato da un impulso esterno. Una donna che ha lasciato il lavoro perché non era soddisfatta delle condizioni, agisce secondo la sua volontà. D'altra parte, una donna che lascia il lavoro a causa delle pressioni del marito, ad esempio, non rispetta la sua volontà.

Un altro modo di intendere la volontà ha a che fare con il desiderio o le intenzioni di fare qualcosa : "Sono disposto a riprendere gli studi in arte ", "Molti mi dicono di riprovare, ma non ho volontà" .

La volontà, d'altra parte, può essere il mandato o l' ordine di qualcuno : "La volontà di mio padre è stata fatta e abbiamo comprato la casa", "L'allenatore ha deciso di rispettare la volontà della ruota e non ha chiamato per la prossima partita" .

Forza di volontà e obesità

La forza di volontà si riferisce a una capacità che gli esseri umani devono superare quei desideri che possono generare conseguenze dannose per la nostra esistenza. Il concetto è spesso correlato all'impegno a mantenersi saldi su una dieta per perdere peso .

L'obesità è un problema che colpisce le nostre società in modo pericoloso e che ha conseguenze che in molti casi sono estremamente dannose. La ragione per cui ci sono sempre più persone che soffrono di questa malattia è che in molti la forza della volontà non è completamente attiva, quindi stabilisci un obiettivo (decidi di perdere peso) e lavora duramente per raggiungerlo (segui la tabella dietetica ci siamo imposti) è un compito quasi frustrato prima dell'inizio.

Secondo l'autore di una delle opere più popolari tra i libri di auto-aiuto per persone con problemi di sovrappeso, che è intitolato "I dieci comandamenti della dieta", fare affidamento sulla volontà di perdere peso non è una buona decisione, Egli consiglia che dipende più da una buona strategia ; e questo non richiede sempre una dieta piena di sacrifici che ci motiverà a scoraggiarci e abbasseremo le braccia poco dopo l'inizio.

Dice che ci sono due modi per perdere peso; uno è intenso (una disciplina estrema per cui è necessaria la forza di volontà) e uno lento ma sicuro (una disciplina in cui la pazienza gioca un ruolo fondamentale, e dove non succede nulla se un giorno infrangiamo le regole della dieta).

Il consiglio per una dieta sicura consiste nel fare piccoli ma diretti cambiamenti che portano a un graduale cambiamento generale. Non c'è un modo magico per perdere peso, ma tieni a mente alcuni aspetti che rendono se stessi può essere un aiuto vitale per raggiungerlo, alcuni di quelli citati in quel libro sono:

* Accetta la realtà: non ingannare te stesso; Non è vero quello che alcuni dicono che non mangiano nulla e ingrassano lo stesso, ogni volta che aumentano i chili è perché stanno mangiando più calorie di quelle che vengono bruciate. Prima di ciò, la prima cosa che si può fare, prima di mangiare di meno, è spostarsi di più.

* Proponi il possibile: non fissare obiettivi che sono noti per essere molto difficili da raggiungere. È preferibile impiegare più tempo ma ottenere risultati concreti, piuttosto che perdere peso all'inizio e poi tornare a guadagnare quei chili, abbandonare la dieta.

Raccomandato
  • definizione: germinazione

    germinazione

    La germinazione è chiamata a germogliare . Il concetto viene dalla parola latina germinatio . Il verbo germinare , d'altra parte, allude a cominciare a svilupparsi o germogliare. Se ci concentriamo sul campo della botanica, l'idea della germinazione è legata allo sviluppo di una pianta dal seme : cioè, dalla parte del frutto che ospita l'embrione di un nuovo esemplare. L
  • definizione: importo

    importo

    Il concetto di importo ha due grandi usi. Da un lato, è la somma o il valore di un prezzo, un saldo, un debito, ecc. D'altra parte, il termine è una coniugazione del verbo da importare (valore, affetto, introduzione di prodotti o abitudini straniere). Il valore , l' importo o il costo di un bene, quindi, vengono stabiliti impostando l'importo.
  • definizione: twist

    twist

    Si chiama twist all'atto e la conseguenza di torsioni o torsioni . Il concetto è spesso usato in medicina per riferirsi a ciò che accade quando un organo o un membro subisce un danno avendo deviato dalla sua solita direzione. Quando le parti molli attorno alle articolazioni sono attorcigliate, può verificarsi la lesione nota come distorsione. Q
  • definizione: bisessuale

    bisessuale

    Per entrare nel significato del termine bisessuale è necessario conoscere, in primo luogo, la sua origine etimologica. In questo caso, possiamo dire che è una parola che deriva dal latino perché è il risultato della somma di tre componenti chiaramente delimitate come queste: -Il prefisso "bi-", che può essere tradotto come "due". -Il
  • definizione: attrazione

    attrazione

    Per iniziare a svelare il significato del termine attrazione, dobbiamo scoprire la sua origine etimologica. In questo caso, possiamo dire che è una parola di origine latina perché deriva da "atractio". Questo può essere tradotto come "azione ed effetto di portarne uno" ed è il risultato della somma di tre elementi chiaramente delimitati di detta lingua: -Il prefisso "ad-", che significa "verso". -L
  • definizione: picco

    picco

    I significati di punta sono molto diversi, il che significa che possiamo trovare questa parola in diverse aree. Da un lato, potrebbe essere la cima o la cima di un prospetto , specialmente quando finisce in un punto . Ad esempio: "Raggiungere l'apice di quella montagna deve essere un compito arduo" , "L'alpinista cileno ha stabilito un nuovo record raggiungendo il picco in soli cinquantatre minuti" , "I ricercatori hanno osservato, con lunghe vedute, che una famiglia di aquile Si stabilì sulla cima della sierra .