Definizione stupore

È noto come lo stupore di sorpresa, stupore, shock o sgomento causato da qualcosa di inaspettato o inaspettato . Lo stordimento può essere causato da un evento positivo (piacevole), ma anche da un evento negativo (dannoso o doloroso).

stupore

Ad esempio: "Il livello di gioco mostrato dalla squadra catalana non smette di provocare stupore negli amanti del calcio", "Non riesco a superare il mio stupore! Ieri sera ho visto come Santiago ha baciato Daniela ", " Lo sviluppo tecnologico della città tende a generare stupore tra i visitatori " .

Una scoperta scientifica può produrre stupore. Supponiamo che tutti gli esemplari conosciuti di una certa specie di insetti non misurino più di 5 centimetri. Se un entomologo scopre una famiglia di questi insetti con dimensioni che superano i 10 centimetri, la scoperta genererà stupore nell'intera comunità scientifica.

Varie situazioni che modificano la vita di tutti i giorni sono anche in grado di provocare stupore. Se un uomo che è sposato e ha figli e nipoti, improvvisamente inizia a camminare per le strade del suo quartiere vestito da donna, il suo aspetto può causare stupore in tutte le persone che lo conoscono. Lo stupore non implica una reazione positiva o negativa : è associato alla sorpresa causata da ciò che non era nelle previsioni.

Si chiama capacità di stupore per la facoltà della gente di essere sorpresa prima della nuova cosa e di apprenderla. Questa capacità è anche legata all'adattamento delle persone a un ambiente che cambia, poiché lo stupore deriva da un cambiamento nelle aspettative.

Inutile dire che gli esseri umani non sono gli unici in grado di sorprenderci, poiché anche il resto degli animali reagisce in questo modo a cose che superano il quadro del conosciuto e possono imparare da loro per comprenderli e, nel migliore dei casi, casi, controllarli a proprio vantaggio. Nella convivenza con cani e gatti, tra le altre specie considerate domestiche, milioni di persone osservano giorno per giorno come i loro compagni a quattro zampe si adattano mirabilmente alle nostre strutture.

Dopotutto, lo stupore è il primo passo verso la riflessione e la contemplazione, due punti fondamentali della filosofia. Per elevarci è necessario prima di tutto riconoscersi in una posizione di inferiorità rispetto alla conoscenza; Ciò non significa che dovremmo disprezzarci ma, in ogni caso, apprezzarci in modo equo e preciso. Nessuno può possedere la conoscenza assoluta, ed è per questo che lo stupore sorge davanti all'ignoto; Una volta a questo punto, abbiamo due opzioni: ignorarlo o cercare di capirlo.

Spesso associamo la capacità di meraviglia con l'infanzia, sebbene il legame tra i due concetti non sia altro che il risultato di imposizioni sociali . Se è vero che i bambini affrontano ogni giorno un volume maggiore di situazioni nuove e scioccanti, l'età adulta ci permette di andare alla ricerca di nuovi orizzonti, oltre la nostra cerchia di sicurezza. Prestare attenzione alla curiosità è una pratica sana; placarla è pericolosa.

Le grandi creazioni che rivoluzionano la scienza e la tecnologia non sarebbero possibili se i loro autori lasciassero i loro talenti crudi, ma dovessero risolverli sulla base di tecniche e conoscenze. Ciò richiede l' umiltà di cui sopra, che genera stupore per tutto ciò che è al di là delle loro possibilità e li incoraggia a demolire le sue mura.

Nell'infanzia, quindi, lo stupore è inevitabile, poiché è una delle risorse fondamentali che dobbiamo crescere e sviluppare. Nell'età adulta, d'altra parte, è facoltativo, anche se i suoi benefici sono incalcolabili per raggiungere i più alti livelli di auto-conoscenza e auto-miglioramento.

Raccomandato
  • definizione: abile

    abile

    Dal latino peritus , un esperto è una persona esperta, esperta o compresa in una scienza o in un'arte . L'esperto è l' esperto di un determinato argomento che, grazie alle sue conoscenze, funge da fonte di consultazione per la risoluzione dei conflitti. In un processo , è possibile trovare esperti giudiziari (che sono nominati dal giudice) e esperti (proposti dalle parti coinvolte). Q
  • definizione: suscitare

    suscitare

    La parola latina attitiāre è arrivata alla nostra lingua come una mossa . Il concetto può essere usato per alludere all'azione di aggiungere qualche tipo di combustibile al fuoco o di rimuoverlo con l'obiettivo che brucia di più . Ad esempio: "Dì a Miguel di aggiungere più legna da ardere per alimentare il fuoco, quindi non abbiamo freddo" , "taglio la carne e poi inizierò il fuoco " , "Cerca di non muovere le fiamme a meno che tu non voglia causare un incendio " . Un al
  • definizione: poliestere

    poliestere

    Il poliestere è una nozione derivata dal poliestere , un concetto della lingua inglese. È un polimero che deriva dalla polimerizzazione di un idrocarburo chiamato stirene e altri elementi chimici. Il poliestere è una resina che si caratterizza per la sua resistenza ai vari agenti chimici e all'umidità, che ne consente l'utilizzo nella produzione di vari prodotti. La
  • definizione: tassonomia

    tassonomia

    La tassonomia ha la sua origine in una parola greca che significa "ordinazione" . Questa è la scienza della classificazione applicata in biologia per l' organizzazione sistematica e gerarchica di gruppi animali e vegetali . Nello specifico, possiamo determinare che la tassonomia è divisa in due: microtassonomia, che è responsabile della delimitazione e descrizione di alcune specie; e macrotassonomia, che è quella che classifica in base ai criteri concessi dal ramo precedente. È
  • definizione: di tabella

    di tabella

    Tabular è un concetto che può apparire come un aggettivo o come un verbo . Quando il termine deriva dalla parola latina tabulāris , è un aggettivo che si riferisce a quello con un aspetto da tavolo . Ad esempio: "Quel mobile tabulare sarebbe molto utile nello studio" , "Ieri ho acquistato un nuovo dispositivo tabulare nella cui parte superiore è possibile collocare le forniture" , "Il terreno è caratterizzato dal suo rilievo tabulare" . La n
  • definizione: trappola

    trappola

    La trappola viene dal vagabondo onomatopeico. È un dispositivo, artificio o tattica il cui scopo è catturare, rilevare o disturbare un intruso. La trappola può essere un oggetto fisico (come una gabbia o una falsa porta) o una sfida intellettuale (un indovinello). Le trappole sono emerse per aiutare l' uomo nei suoi compiti di caccia. G