Definizione patrimonio

Dall'haerentia latina, l' eredità è l'insieme di beni, diritti e doveri che, quando una persona muore, trasmette ai suoi eredi o legatari. L'ereditarietà è, quindi, il diritto di ereditare ( ricevere qualcosa da una situazione precedente ). Ad esempio: "Mio padre mi ha lasciato una casa sulla spiaggia come eredità", "Juan Martín ha passato l'intera eredità a feste e viaggi, " Mi fa male sapere che non potrò lasciare un'importante eredità ai miei figli " .

patrimonio

Vale la pena ricordare che per famiglie benestanti e numerose, l'eredità dei genitori di solito rappresenta l'obiettivo di molti bambini, che anelano alla morte dei loro genitori in modo contorto per ottenere una parte della loro fortuna . Al momento della distribuzione, è anche comune che sorgano scontri violenti di fronte alle sorprese che il testamento porta alla luce (documento che specifica ciò che ciascun discendente riceverà o al quale saranno lasciati in eredità i beni del defunto).

Ci sono molte storie di fratelli che ignorano i loro genitori e che compaiono al funerale, come gli uccelli delle carogne, in cerca della loro parte dell'eredità. Quando uno dei fratelli dedica la maggior parte della sua vita alle cure dei suoi genitori, sia perché erano malati o semplicemente a causa delle limitazioni della vecchiaia, il livello di decenza e morale delle discussioni è ancora più basso, dato che il resto dei membri della famiglia di solito ignora tutti i suoi sforzi e si rifiuta di lasciare che questa persona riceva una percentuale più alta dell'eredità.

Per la biologia, l'ereditarietà è composta da caratteri fenotipici e dal genoma che gli esseri viventi ricevono dai loro genitori. Questo tipo di eredità viene trasmessa attraverso il materiale genetico che si trova nel nucleo della cellula e presuppone che il discendente abbia caratteri di uno o di entrambi i genitori.

patrimonio Un altro uso del termine eredità è legato alle caratteristiche culturali, sociali o economiche che influenzano un momento storico e che hanno la loro origine nelle fasi precedenti: "L'effusione degli argentini è un retaggio dei primi immigrati italiani", "La sfiducia in le autorità sono l'eredità che ci hanno lasciato dieci anni di governi corrotti " .

L'eredità è anche composta da tratti morali o ideologici (tra gli altri) che caratterizzano un individuo e poi avvertono i loro discendenti: "L'eredità di Juan Ramón Verón è ai piedi del figlio Juan Sebastián, recente campione della Copa Libertadores de América con Estudiantes de La Plata ", " È un peccato che questo scrittore non possa mostrare l'eredità di suo padre, molto più talentuoso di lui " .

Nel campo della programmazione per computer, una classe rappresenta un tipo di oggetto, che ha una serie di proprietà e può eseguire determinate funzioni (chiamate metodi ) ed è possibile che una classe erediti quelle caratteristiche da un'altra. Se prendiamo come esempio una classe che chiamiamo Entità, le cui proprietà sono semplicemente le coordinate della sua posizione in uno spazio tridimensionale (rappresentato dalle lettere x, y e z ), sarebbe logico per qualsiasi classe che necessitasse di memorizzare la sua posizione per essere discendente di entità.

L'applicazione dei principi di ereditarietà sarebbe molto utile, ad esempio, se si volesse creare una classe di Projectile, dal momento che si potrebbe trarre vantaggio dalle variabili di posizione Entity ; D'altra parte, avrebbe bisogno di proprietà specifiche, come la velocità, il grafico, il tipo di proiettile, tra gli altri. A sua volta, se la classe con la gerarchia più alta avesse i suoi metodi, i loro eredi avrebbero anche loro e potrebbero farne uso e persino ridefinirli (se volessero implementarli diversamente dall'originale).

Raccomandato
  • definizione popolare: pensiero

    pensiero

    Secondo la definizione teorica, il pensiero è ciò che è portato alla realtà attraverso l'attività intellettuale . Pertanto, si può dire che i pensieri sono prodotti elaborati dalla mente , che possono apparire dai processi razionali dell'intelletto o dalle astrazioni dell'immaginazione . Il p
  • definizione popolare: qualità

    qualità

    Le qualità sono le caratteristiche che contraddistinguono e definiscono le persone , gli esseri viventi in generale e le cose. Il termine deriva dalla qualità latina e consente di riferirsi al modo di essere di qualcuno o qualcosa. Una qualità può essere una caratteristica naturale e innata o qualcosa acquisito con il passare del tempo . Qu
  • definizione popolare: logo

    logo

    Un logo è un simbolo che consente l' identificazione di un marchio, un'azienda, un'organizzazione o un prodotto . Conosciuto come logo nel linguaggio colloquiale, è una rappresentazione grafica . Ad esempio: "L'azienda farmaceutica ha presentato il suo nuovo logo in occasione di un evento tenutosi presso l'Hotel Presidente" , "Il comune ha lanciato un concorso per la creazione di un logo" , "Il produttore ha deciso di recuperare il suo vecchio logo per l'uso nel nuovissimo modello di maglia della squadra nazionale di calcio " .
  • definizione popolare: premio

    premio

    Il premio è un concetto che viene utilizzato nel campo del diritto per nominare una risoluzione emessa da un arbitro o un compoundatore amichevole che consente di risolvere una controversia tra due o più parti. La decisione dell'arbitro può essere paragonata alla sentenza dettata da un giudice , sebbene la giurisdizione del giudice sia stabilita dalla legge e la giurisdizione dell'arbitro sia nell'autonomia della volontà. Ci
  • definizione popolare: rielezione

    rielezione

    La rielezione è l' azione e il risultato della rielezione . Questo verbo si riferisce alla scelta di qualcosa di nuovo . L'uso del termine, comunque, è associato all'ambito della politica . La rielezione, in questo senso, consiste nel tornare a votare a un funzionario affinché continui a occupare la stessa posizione. I
  • definizione popolare: suffisso

    suffisso

    La parola latina suffixus deriva in suffisso , un concetto che viene usato in grammatica per denominare l' affisso che viene aggiunto alla fine di una parola . Un affisso, d'altra parte, è una sequenza linguistica che altera il significato di un termine. Suffissi, quindi, sono affissi che vengono posticipati, a differenza dei prefissi (che vengono posti prima della parola).